Fabio Preti
Fabio Preti
FABIO PRETI ​
COUNSELOR SCOLASTICO

Dal Lunedi al Venerdi: 09,30 - 18,00

Via A. Manzoni n 216 - Savignano sul Panaro (MO)

339 28 22 359


facebook
gplus
linkedin
youtube

Il giro di boa!

26/01/2014, 13:52

Il-giro-di-boa!

Siamo al giro di boa dell’anno scolastico. Nei prossimi giorni tutti gli studenti avranno ricevuto la pagella e, come spesso accade, quando le pagelle non sono proprio soddisfacenti, il benessere fami

Copyright di Fabio Preti Via A. Manzoni, 216 Savignano sul Panaro (MO) Cell. 339 2822359

Ultimo aggiornamento 11 febbraio 2019

Sveglia il tuo Talento e libera il tuo Genio!

26/01/2014, 13:52



Il-giro-di-boa!


 Siamo al giro di boa dell’anno scolastico. Nei prossimi giorni tutti gli studenti avranno ricevuto la pagella e, come spesso accade, quando le pagelle non sono proprio soddisfacenti, il benessere fami



Siamo al giro di boa dell’anno scolastico. Nei prossimi giorni tutti gli studenti avranno ricevuto la pagella e, come spesso accade, quando le pagelle non sono proprio soddisfacenti, il benessere famigliare vacilla, lasciando posto a musi lunghi, punizioni, paure, incomprensioni, rabbia, impotenza, frustrazioni e a tanto stress.
  
Magari i nostri ragazzi ci hanno detto che i professori avrebbero dato una valutazione sufficiente o più che sufficiente, ma al lato pratico ci troviamo un’insufficienza o un voto più basso. E noi ci arrabbiamo perché non ci pare giusto che sia sempre nostro figlio che ha capito male.
  
Durante il primo quadrimestre abbiamo deciso di mandare nostro figlio a ripetizione per rinforzare le sue competenze e per fargli capire ciò che non è riuscito a comprendere in classe. Ma poi ci rendiamo conto che i professori continuano a ripeterci: “Suo figlio non ha metodo, non si concentra, dovrebbe studiare di più”. Allora ci scatta il pensiero: “Perché non gli avete insegnato a studiare? E adesso come facciamo? Dove posso trovare aiuto?”
 
Abbiamo provato frustrazione e senso di impotenza quando li abbiamo aiutati nello studio e nei compiti a casa. Abbiamo trascorso sabati e domeniche in casa a studiare con i nostri figli e siamo rimasti in apprensione tutta la giornata della verifica o dell’interrogazione, con il timore di sentirci dire che sapeva tutto, ma si è bloccato e la memoria non ha restituito gran che. Di conseguenza l’interrogazione ha fruttato lo “storico” 6- o la verifica non è stata completata.

Se poi i nostri ragazzi hanno un Disturbo Specifico dell’Apprendimento, ci troviamo ogni giorno a combattere perché il loro diritto allo studio sia rispettato. Troppo spesso ci troviamo ad avere interlocutori che non hanno risposte alle nostre domande e che non hanno voglia di fare granché per attivare gli strumenti compensativi. Come ciliegina sulla torta poi ci troviamo insegnanti che si interrogano sul senso di “giustizia” degli strumenti compensativi nei confronti degli altri studenti “normali”. 

Ora che è iniziato il secondo periodo dell’anno scolastico 2013/14, ci stiamo interrogando sul da farsi, sperando che una sonora sfuriata o severe punizioni possano rimettere in carreggiata il percorso scolastico dei nostri ragazzi. 

Ma ognuno di noi credo sia consapevole che per cambiare atteggiamento e risultati serve altro. Ad esempio, scoprire se esiste un metodo, un corso, un percorso che possa risolvere una volta per tutte le necessità dei vostri figli, così da non avere più questi grattacapi così fastidiosi.
  
Che bello essere fieri del percorso scolastico dei nostri figli! 
Trovare il modo di potenziare le loro risorse, i loro talenti e le loro competenze, così da non sentirci più impotenti e frustrati! 
Se tutto questo si avverasse e i nostri ragazzi entrassero in possesso delle strategie per apprendere con successo, riuscite ad immaginare la serenità dei nostri figli e la nostra?


1
Create a website